Altalenante il prezzo del petrolio, paura per il recupero

L’estrema volatilità che ha attanagliato i mercati del petrolio negli ultimi 18 mesi ha mostrato alcun segno di rallentamento, con i prezzi del petrolio più che raddoppiato dall’inizio dell’anno, nonostante un anno eccezionalmente debole  per l’economia.
L’instabilità dei prezzi del petrolio e del gas è sconcertante, funzionari del governo, della politica e gli analisti, temono che potrebbe compromettere la ripresa mondiale. Imprese e  consumatori, che sono già di fronte agli effetti di una recessione pungente, si cerca invano di indovinare dove il prezzo del greggio arriverà tra un anno o  addirittura tra un mese.Si è verificato negli ultimi 12 mesi, una selvaggi corsa dei mercati petroliferi. La scorsa estate, i prezzi sono aumentati, ad un livello superiore a 145 $ al barile, e la benzina a a più di $ 4 al gallone. L’economia globale si è arrestata, l’olio è caduto a 33 $ al barile nel mese di dicembre, ma il petrolio è salito dal 55 per cento dall’ inizio anno, a 70 $ al barile, spingendo nuovamente i prezzi del gas fino a $ 2,60 al gallone, secondo AAA, l’automobile club.
lla fine della scorsa settimana di negoziazione, i futures del petrolio è sceso $ 2,58, a $ 66,73 al barile, dopo l’aumento di cui sopra 72 $ al barile il mese scorso.
Le case automobilistiche General Motors e Chrysler sono state costrette al fallimento,  in diffivoltà anche le compagnie aere, sempre per l’aumento del carburante. Molti fattori che ha spinto i prezzi del petrolio fino l’anno scorso sono tornati. Fornitura strisciante,  i timori sono di nuovo nel mercato, con un nuovo ciclo di violenza in Nigeria, ricca di petrolio nel delta del Niger crimpaggio produzione. E ci sono sempre più il timori che l’instabilità politica in Iran potrebbe estendersi sul mercato petrolifero, potenzialmente ostacolano le esportazioni del paese. Né l’organizzazione, né i suoi membri chiave,ha un vero e proprio interesse a fermare l’aumento dei prezzi del petrolio”, ha detto in un rapporto del Center for Global Energy Studies, un gruppo di consulenza a Londra, fondata da sceicco Ahmed Zaki Yamani, ex petrolio saudita ministro.
A differenza dello scorso anno, quando l’economia non era ancora in recessione e la domanda di materie prima era forte, il mondo di oggi è impantanato nella sua peggiore crisi in oltre mezzo secolo. La Banca Mondiale ha messo in guardia  che la recessione sarebbe più profonda di quel che si pensa e in precedenza ha detto l’eventuale recupero del prossimo anno dovrebbe decisamente essere debole.
Fonte New York Time
Annunci

2 pensieri su “Altalenante il prezzo del petrolio, paura per il recupero

  1. Secondo me la svolta sarebbe l’innovazione con carburanti non inquinanti, come l’idrogeno per esempio, darebbe nuova linfa alle industrie che dovrebbero produrre l’idrogeno, a quelle dei serbatoi (che sono speciali), alle case automobilistiche, che con incentivi statali promuoverebbero un nuovo mercato globale dell’auto, e non per ultimo, ai distributori, che dovrebbero aggiornarsi con il nuovo tipo di rifornimento.
    Secondo me, una parte dell’economia potrebbe ripartire, se non fosse il fatto che si è ancora troppo ancorati mentalmente al vecchio…in poche parole, non si vuole cambiare.
    Ti abbraccio e ti auguro una buona serata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...