La Canzone Ufficiale dei Mondiali di Calcio 2010 “Waka Waka (This Time For Africa)”di Shakira

Il brano cantato, scritto e co-prodotto da Shakira “Waka Waka (This Time For Africa)”, sarà la Canzone Ufficiale dei Mondiali di Calcio 2010 che si svolgeranno tra  giugno e luglio in Sudafrica

Da oggi 15 maggio questo singolo si potrà ascoltare in radio. E’ una canzone dal ritmo coinvolgente che unisce strumenti e musicalità afro-colombiani con un crescente ritmo Soca. Un sicuro successo che travolgerà l’intero universo. Co-prodotto dal collaboratore di lunga data di Shakira, John Hill è disponibile in download digitale.

“Sono orgogliosa che ‘Waka Waka (This Time For Africa)’ sia stata scelta per entrare a far parte dei Mondiali di Calcio 2010” dice Shakira. “I Mondiali sono un evento che unisce  tutto il Mondo in un’unica passione, senza distinzione di Paese, razza, religione o stato sociale. Rappresentano un evento che ha il potere di unire le persone e questo è esattamente il contenuto della canzone.”  Continua Shakira: “La musica Africana è una fonte di ispirazione e presto entrerà a far parte della cultura pop mondiale. Sono orgogliosa di aver avuto l’opportunità di lavorare con uno dei gruppi più acclamati in Sudafrica, i Freshlyground.”

Per ascoltare e scaricare il video clicca sulla foto di Shakira

Waka Waka ( This Time For Africa)  testo

You’re a good soldier
Choosing your battles
Pick yourself up
And dust yourself off
Get back in the saddle
You’re on the front line
Everyone’s watching
You know it’s serious
We’re getting closer
This isn’t over

The pressure’s on; you feel it
But you got it all; believe it
When you fall, get up, oh oh
And if you fall, get up, eh eh
Tsamina mina zangalewa
Cause this is Africa
Tsamina mina eh eh
Waka waka eh eh
Tsamina mina zangalewa
This time for Africa

Listen to your god; this is our motto
Your time to shine
Don’t wait in line
Y vamos por todo
People are raising their expectations
Go on and feel it
This is your moment
No hesitation

Today’s your day
I feel it
You paved the way,
Believe it
If you get down
Get up oh, oh
When you get down,
Get up eh, eh

Tsamina mina zangalewa
This time for Africa
Tsamina mina eh eh
Waka waka eh eh
Tsamina mina zangalewa
Anawa aa
Tsamina mina eh eh
Waka waka eh eh
Tsamina mina zangalewa
This time for Africa

Annunci

Sudafrica-Mondiali 2010; La prima lista dei convocati

Ecco la prima lista della rosa Azzurra, che partirà per il Sudafrica. Di questi 30, Marcello Lippi ne dovrà scartare 7.  
 

 

 

Portieri: Buffon, De Sanctis, Marchetti, Sirigu.
Difensori: Bocchetti, Bonucci, Cannavaro F., Cassani, Chiellini, Criscito, Grosso, Maggio, Zambrotta.
Centrocampisti: Camoranesi, Candreva, Cossu, De Rossi, Gattuso, Marchisio, Montolivo, Palombo, Pepe, Pirlo.
Attaccanti: Borriello, Di Natale, Gilardino, Iaquinta, Pazzini, Quagliarella, Giuseppe Rossi.

Il C.T  dovrà presentare la lista definitiva entro il 1 giugno.

Finale di Coppa Italia-Olimpico blindato e riposo negato agl’interisti.

Un gruppo di tifosi giallorossi imitano i blaugrana, stessa tattica usata a Barcellona, clacson, cori e schiamazzi per impedire ai giocatori dell’Inter il riposo prima della partita decisiva di questa sera. Propizio l’intervento delle forze dell’ordine che fanno calmare gli animi accesi.

Polemiche al veleno-Dopo le polemiche lanciate da Rosella Sensi, soprattutto quel “da vergognarsi”pronunciato dopo il match di domenica scorsa tra Lazio-Inter, dove la tifoseria biancoceleste invocava la sconfitta della propria squadra pur di veder perdere lo scudetto alla Roma. Dobbiamo però fare un passo indietro e ricordare il comportamento tenuto dai giocatori romanisti dopo la vittoria del derby, in particolare i pollici versi di capitan Totti. Ci si aspetta quindi che i tifosi laziali si schierino con gli interisti e in questo clima velenoso l’Olimpico viene blindato, 10mila posti vuoti per far da cuscino tra le due tifoserie e  600 steward mobilitati. Sarà una notte calda nella capitale al di là del rusultato.

1° Maggio, ma per chi?

La festa del 1° maggio è nata per ricordare l’impegno dei sindacati e le mete raggiunte nel campo economico e sociale dai lavoratori.

Vista la crisi che continua a imperversare, la sempre maggior disoccupazione e la precarietà, l’unica cosa che verrebbe da festeggiare è l’intelligenza di coloro che hanno portato questo paese allo sfascio. Chiunque ci sia o ci sia stato al governo nell’ultimo decennio ha adottato la medesima frase: “Prima ti impoverisco, poi devi accettare quel che ti do”. A loro tutti un plauso, e a noi? Prendiamoci questo giorno di festa, (sfortuna vuole che sia pure sabato) e proviamo a riflettere sulla parola rivoluzione!